post-title Mal di schiena: cosa dovresti sapere https://www.bodyspeakingtherapy.it/wp-content/uploads/2020/11/physio-1778029_1920.jpg 2020-11-23 23:56:32 yes no Inserito da

Mal di schiena: cosa dovresti sapere

Soffri di mal di schiena? Da troppo tempo? È il momento di fare un controllo generale. Se hai avuto traumi fisici piccoli e grossi, passati o recenti (tutti mediamente ne hanno avuti almeno qualche decina), ti consiglio di prendere appuntamento da un valido terapeuta manuale. Meglio far controllare assetto e postura.  La componente meccanica, cioè […]

Inserito da

Soffri di mal di schiena? Da troppo tempo?

È il momento di fare un controllo generale.

Se hai avuto traumi fisici piccoli e grossi, passati o recenti (tutti mediamente ne hanno avuti almeno qualche decina), ti consiglio di prendere appuntamento da un valido terapeuta manuale. Meglio far controllare assetto e postura. 

La componente meccanica, cioè il modo in cui ossa, muscoli, fasce e pelle interagiscono tra loro, costituisce ciò su cui è più facile lavorare ed avere risultati positivi. 

Nel caso tu dovessi recarti dal tuo medico di famiglia, probabilmente ti consiglierebbe l’assunzione di qualche antinfiammatorio. Se proprio ti vedesse “disperato”, con probabilità ti dirigerebbe anche verso una tac o una risonanza sulla parte del corpo che più duole.

Questa è la classica “procedura”.

Ciò che consiglio sempre io, però, è di approfondire anche eventuali problemi  meccanici e funzionali del mal dischiena. Su tale principio si fonda il mio Metodo Body Speaking Therapy®.

Mal di schiena: perché approfondire i problemi meccanici e funzionali?

Perché spesso costituiscono la reale causa della sofferenza e  si manifestano proprio nel punto in cui avverti più dolore.

Quando qualche paziente si rivolge al medico, questi si attiva per far “sparire” il sintomo fastidioso del mal di schiena.

La Body Speaking Therapy®, invece, ne indaga l’origine con l’obiettivo di risolverlo alla radice.

L’occhio attento e allenato di un terapeuta manuale si rende subito conto che è stata persa la verticalità corretta, che il corpo manifesta la presenza di muscoli fuori tono e articolazioni non propriamente allineate. Non tutte, ma quelle poche che necessitano di una correzione bastano a creare questa collezione di acciacchi dolorosi che ormai si fa sentire troppo spesso.

Di terapisti manuali, ormai, ce ne sono molti . Tutti provenienti da varie culture: osteopati, chiropratici, manipolatori, fisioterapisti, posturologi. Ma anche personal trainer, podologi, per non considerare nel gruppo anche gnatologi, ortodontisti, ortottici di livello avanzato.

Hanno la preparazione per guardare e vedere questi squilibri e spesso dalla semplice osservazione dell’assetto del corpo  possono arrivare alle vere cause del problema e alla loro risoluzione.

Ognuno ha il proprio settore di competenza e abilità

E probabilmente avresti bisogno di più di uno di loro. Perché se il piede appoggia in modo scorretto a terra, tutto quello che si trova sopra sarà fuori asse, fino al collo e alla bocca, dove sarà possibile trovare alterazioni della occlusione o della posizione della lingua. Per non parlare dell’allineamento degli occhi!

Nel frattempo tutta la serie di strutture che congiungono il piede alla testa sarà sotto tensione e se qualcuno tocca quelle più coinvolte, alla pressione faranno male. 

Se sono presenti sintomi alla bocca, un bravo tecnico di quell’area potrebbe indirizzarti da un posturologo o da un osteopata per correggere le cause esterne di quegli squilibri.

Probabilmente non sei cosciente di come stai seduto e quale sia la tua postura eretta e neppure quanti muscoli tesi e dolenti devi gestire. Figuriamoci poi se hai fatto caso alla posizione delle spalle, all’orientamento dei piedi e al loro appoggio o al contributo che le tue mani danno alla postura e alla flessibilità della schiena.

Il nostro sistema è programmato per farti sopravvivere nella migliore condizione possibile e per questo non ti fa sentire quante cose funzionano male. Almeno fino al livello in cui riesci a compensarle.

Il fatto che tu non ti renda conto di quanto accade non significa che il tuo corpo sia esente da disfunzioni che, purtroppo, se lasciate in essere, oltre ai dolori nei tempi lunghi, provocano conseguenze che pagherai tra qualche anno. 

Partiamo dal concetto di “normalità”

Senza andare a cercare esami posturali, quello che tutti possono fare è toccarsi con una certa pressione. Si può farlo sulle cosce, sui polpacci, sotto il piede, sui muscoli della schiena e delle spalle o delle braccia.

Ti è mai successo di essere toccato o massaggiato e di sentire molto dolore in parti che in condizioni normali non dovrebbero dare alcun fastidio?

È normale?

Secondo il metodo BST è normale che tutti coloro che hanno disfunzioni in atto soffrano di fenomeni di questo tipo. Quindi se è doloroso toccarsi o essere toccato, prima di  ingoiare analgesici o antiinfiammatori, sarebbe consigliabile consultare qualcuno in grado di risolvere la situazione.

Tutti noi abbiamo “memorie fisiche di piccoli e grandi traumi subiti” e queste aree dolorabili alla pressione anche in zone “non sospette” sono le conseguenze della coesistenza di molte disfunzioni. 

Le memorie traumatiche (DSF) raramente manifestano la loro presenza nel punto in cui si trovano ma modificano sia la sensibilità cutanea  che l’attività di alcune catene muscolari. 

Quando il sistema è ben equilibrato, i muscoli lavorano con il loro tono fisiologico, non sono dolenti e danno il massimo di stabilità e potenza. Se parecchi di loro, in varie parti del corpo alla palpazione sono tesi e dolenti significa che da qualche parte sono presenti DSF.  

È possibile eliminare queste aree dolenti?

Nella maggior parte dei casi è sufficiente riportare all’attività fisiologica tutti i tessuti e le strutture che sono in disfunzione. 

In pratica: “ cancellare più compensi possibile” per rifare la “convergenza” a tutto il sistema. 

Quanto tempo richiede? Nelle mani di un valido terapeuta BST un paio di sedute.

Solo quaranta minuti di lavoro e il paziente è libero dal dolore! In maniera totalmente rilassante per lui. Meditate acciaccati, meditat!

Terapia - Body Speaking Therapy di Roberto Banducci

 

 

Scopri di più sul dolore alla schiena e su come la Body Speaking Therapy può aiutarti a eliminarlo definitivamente. Contattami per una consulenza in studio per il tuo dolore alla schiena.

Dottore Amato Roberto Banducci

Dottor Roberto Banducci medico chirurgo fondatore del metodo Body Speaking Therapy. Laurato all’Università di Pisa, iscritto all’Ordine dei Medici di Lucca e specializzato in Anestesia e Rianimazione. Ha approfondito i suoi studi di medicina integrata, laser-terapia, laser-chirurgia, tecniche dell’agopuntura del Dottor Mussat, medicina naturale, omeopatia e fitoterapia. Studia anche tecniche manuali orientali come lo shiatzu e la digito-pressione. Approfondisce le tecniche di Chinesiologia Applicata del dott. Meerssemann.

Attualmente è impegnato nell’opera di sviluppo, utilizzo e insegnamento del Metodo BST (Body Speaking Therapy).